logotype
24 -May -2018 - 17:25
 
                         
                            
 

                                     A T T E N Z I O N E !!!

  Questo sito è uno spazio totalmente, interamente ed assolutamente GRATUITO a disposizione di tutti coloro che il Teatro lo amano, lo curano, lo seguono, lo vivono e/o che comunque contribuiscono in qualche maniera a farlo vivere. 

   Vuoi farne parte ??? Scrivici a 

                                                  bandadeimisci@libero.it

==========================================

ECCOCI...!!!

locandinasito

                 "La Banda dei Misci" !!

fabbricasusito

Nuova "sfida" de "La Banda dei Misci" e del Comune di Mignanego:

cerca fra le "News"  !!!!!!!!!

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

 benvenuti

==========================================

      Spigolature

Teatro CANTERO di CHIAVARI - GE

cantero

Teatro1

Vai alle "News"...!!!!

==========================================

aviziodiscrivere

Cerchiamo.....

interr

autori che scrivano per il TEATRO in DIALETTO GENOVESE e/o LIGURE !!!!!!

        VEDI ALLE NEWS....

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

L’ALLIEVO PESCÓU

      L’è sûcesso che ‘n puì disnà da Carloforte, tæra de vëi zeneizi, discendenti da famigge de Pëgi, l’éa partïa ‘na <tartana>, ca portava ûn nomme importante: <Nereide>, a ninfa do mâ.

         Issà a véja latinn-a e con l’aggiûtto do motore, o peschereccio o taggiava e onde comme ‘m cotello, puntando a-o largo, verso o sûd. A bordo ch’éa o comandante Pietrin, dïto <lisca de pescio>, tanto co l’éa stiggio e iu dui figgi: Mario e Tore. Quello giorno gh’ea anche ‘n bardasciamme. Gianni. figgio do Mario. Pàivan di despiæ tanto aveivan da fa, ognidûn aveiva a sêu mansiòn:

         O Gianni o se ne stava arrembòu ä drïta da Nereide aggueitando o mâ, o barba Tore o governava o timon e-o Mario a dava ‘n’ûrtima êuggià a-e ræ, controlando i nattelli, mentre o padron do, dimmoghe do vapore, o <capitagno Lisca de pescio> o se ne stava rintanòu in ta cûxinetta a preparà quarcösa pe’ çenn-a.

         “Poæ” – dïxe o Mario rompindo o silensio ninnòu solo da-o bollezzà de onde contro a-o scaffo – “Ti dïxi che incontriemo torna quello <sambûgo> tûnisin dä votta passà?”

         “Speremmo de no. Gh’ean a bordo di muri che te lascio dî e poi, primma ch’arrivemmo a Lampedusa ghe n’è da giaminà”

         “Papà, sta arrivando ‘na motovedetta dä Finanza”. In de fæti ‘na motovedetta italiann-a a s’accosta intimando l’alt! ‘N’uffiziale e duì mainæ montan a bordo da Nereide e domandan i documenti de bordo. ‘Na votta controllæ, l’uffiziale o l’interroga o comandante: “Avete per caso visto un sambuco tunisino?”.

         “Pe’ 0 momento no: Semmo appenn-a partïi da Carloforte e comme scià vedde emmo ancon da caccià e ræ in mâ. Ne stavo parlando proppio òua con mæ֮ figgio. L’uffiziale o dà n’êuggiàa l’attrezzatûa e o vedde l’equipaggiamento da sub e o se insospettisce. “A cosa servono delle <mute> da sub a dei pescatori?”

         “Scià vedde comandante” – dixe o Tore – ”Mì son istrûttô de pesca sportiva e mæ nëvo o l’orrieiva cacciäse sott’ægoa con mi verso e secche de Cherchena, pe’ fa pratica.. A-o largo o no gh’è mai andæto e coscì ghe staggo vixn”

”Ho capito” – e doppo avei dæto ‘na mëza gaggioà de simpatia in sce a ganascia do figgiêu, o l’azzunze: “Mi raccomando; se vedete quel sambuco, segnalatecelo immediatamente dandoci la sua posizione col radiotelefono: Basta che diciate: <Ci sono i pescicani> e noi interveniamo immediatamente”

         “Cösse gh’è comandante… contrabbando?”

         “Peggio, signor Pietrin.”

         “Scià stagghe tranquillo, se i vedemmo ‘avvisiòu”

A motovedetta ha l’ha ripiggiòu a sêu perlûstraziòn e a Nereide a gh’ha dæto sotto pe’ recûperà o tempo perso in ta sosta con a Finanza. Arrivæ a-e secche de Cherchena, verso e coste tünisinn-e, caccian finarmente e ræ in mâ.

“Gianni, aççendi e lûxi de posiziòn” – dixe o barba Tore che intanto o l’aveiva asmortòu o motore, mentre o fræ Mario o stava posizionando e lampare in te l’ægoa.

Doppo çenn-a o nonno o s’ea misso torna a contà e sêu peripessïe de guæra e ogni votta co-e contava ean sempre despæge dä votta precedente. Foscia o stava perdendo ‘n po’ a memöia o forse no; sta de fæto co ghe faxeiva sempra l’azzunta.

Intanto e öe passavan lentamente e-o cicioezzâ de l’ægoa o maschezzava o fasciamme da barca in te l’äia ûmida ca l’impregnäva de sarmäxo i maggioìn.

Quande a primma ræ a vegne tià a bordo, con l’aggiûtto da sàgoa, vegne inversòu sûbito o carego sotto coverta donde i pesci vegnan selezionæ a segonda da razza.

“No gh’è mä. Foscia l’è a nêutte bonn-a” – dïxe o Mario.

Vegne fæta a mæxima cössa anche pe’ a segonda ræ, ma stavotta, malgraddo i sforsci de tûtti a ræ a no vegniva sciû.

“Basta” – dixe o nonno <Lisca de pescio>. Riscc-emmo de sguarà a ræ. A saià restà aggancià a quarche relitto de nave. Pe’ ninte e secche de Cerchena son conosciûe comme o camposanto de navi”. Intanto o Tore o e mette a tûita da sub.

“Vaddo sotto a vedde. Gianni, passime a torcia”

“Vegno con ti barba”

“No l’è o momento” – risponde o Tore. Ma tanto o Gianni o l’ha inscistïo co l’ha spuntà. Armæ de torce e de scc-êuppo a äia compressa, ingiarmæ de pinne, maschera e boccaggio, van sott’ægoa. A lûxe de torce a l’illuminava i catorci de navi ricoverte de incrostazioìn, navi incappæ in te secche in te l’ûrtima guæra. O Gianni, cö chêu co ghe puiccava forte pe’ l’emosciòn, o s’ammiava in gïo stando arente a sêu barba con a puìja di pescichæn. Quande ormai l’éa l’öa de ritornà sciù a torcia do Tore a l’ha inquadròu ûn sacco aggrittòu ä ræ. O dïo in sciû do barba a-o nevo o l’indicava a salita, Arrivæ in superficie o Mario o dimanda a sêu fræ cöss’han attrovòu.

“No so de preciso. A ræ a l’è aggrittà a ‘n sacco se teja inçeià. Aggiûttine a montà a bordo”. Montæ a bordo se son attrezzæ con autorespiratoì e son tornæ de sotta. Mesciavan e pinne con ritmo. E brasse ben arente a-o corpo, davan ûn slancio aerodinamico ai duì pescoèi. O profondimetro do Tore o segnava meno 20 metri qiande son arrivæ vixin a-o sacco. Questo o l’aveiva dui ballonetti d’aia, comme se o sacco o dovesse arrià in superficie. In fondo o sacco o l’ea trattegnûo da’n peiso ligòu a ‘n spaghetto. Pe’ liberà a ræ, inghêuggeita in to sacco, o Tore o l’ha taggiòu o spaghetto ligòu a-o peizo e o sacco, con i dui ballonetti, o l’è arrivou a galla. Pietrin con o Mario, han tiòu a bordo o sacco e a ræ arroinà.

“Nonno, me pä d’avei vIsto ‘n’ätro sacco de sotta” – dixe o Gianni

“No l’è compito nostro. Gh’emmo zà rimisso a ræ”

O Mario intanto o l’arve o sacco. “Papà, cöss’o saià? Bicarbonato?”

         “Saià miga droga?” - dïxe o Tore montou bordo cö nëvo. Intanto s’ea fæto scûo e se sente da lontan o scc-iûppettà de ‘n motore.

         “Fïto” – ordina Lisca de pescio . “asmortaè e lûxi… ghe scommetto ca l’è röba di tûnisin. Tore lancia o segnale ä motovedetta e telemossela”

         “Qui Nereide… qui Nereide” – dixe a-o radiotelefono Tore . “…alla motovedetta <Squalo>                                                                                                           “Motovedetta Squalo….. dite Nereide”

         “Ci sono i pescicani… posizione 34° e 4 primi latitudine nord e 11° e 15 primi longitudine sud. Passo”

         “Squalo ha ricevuto, allontanatevi… ci vediamo all’imbarcadero di Lampedusa. Chiudo”

         Stava adesciandose o sô quande a Nereide a l’ha visto e coste de Lampeusa e de Linosa che pàivan vegnûe a galla in te quello momento e quande a l’ha attraccòu, a motovedetta da Finanza a l’ea za a-o mêu. A l’ufficiale l’è bastòu ‘n’êuggià pe’ accappì o contegnûo do sacco.

         Gh’è tuccòu a-o Gianni contà tûtta a vicenda doppo de che l’uffiziale o l’ha accaessòu o Gianni, spantegandoghe i cavelli.

                                                         (Enrico SCARAVELLI - Genova)

^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^

                   Chi altro ??

                                                                               Vi aspettiamo !!

^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^

Scrivere è un pò come una malattia. Come il fumo, il gioco, gli stupefacenti: ti da assuefazione, ti inebria, diventa una dipendenza.

Non è poi così difficile: raccogli i pensieri, li metti su carta, crei una favola, un dramma, una magia.

CONFESSATE !!!!  

Chi di voi ha questa malattia ??

Da ora, diamo uno spazio a tutti coloro che vorranno rendere pubblico questo vizio qualche volta inconfessabile e magari anche un pò molesto che consiste nel dare sfogo alla fantasia. Racconti brevi, per carità, che lo spazio è quello che è !! Natutalmente, diamo per scontato che gli scritti che ci manderete sono ORIGINALI E NON SCOPIAZZATI e che inviandoli DATE IMPLICITA AUTORIZZAZIONE ALLA LORO PUBBLICAZIONE SU QUESTA PAGINA, rinunciando a QUALSIASI RIVALSA DI QUALSIASI TIPO nei nostri confronti e CI RISERVIAMO IL DIRITTO ESCLUSIVO DI DECIDERE IN MERITO ALLA LORO PUBBLICAZIONE !!!

Mandateceli dunque all'indirizzo

bandadeimisci@libero.it

indicandoci il vostro nome e cognome e la città di provenienza CHE VERRANNO PUBBLICATI IN CALCE ALLO SCRITTO. La fantasia NON E' MAI ANONIMA !!!!

Ed ecco gli ultimi arrivi....

Buona lettura....!!!!!!

===========================================

AUTOBUS

Fu così che quel primo pomeriggio del ventidue dicembre, correva l'anno 2013, un saluto rimase intrappolato su un autobus.
Impigliato nella timidezza del proprietario, indugiò tra le righe di un pentagramma quel tanto che bastò perché l'autista chiudesse le porte e ripartisse alla volta della stazione; Quei Due scesero, e il saluto restò su.
Uscì dal quaderno di musica, si arrampicò fino al finestrino e li guardò sparire dietro ai platani del viale, spogliati dall'inverno; Lei, con un cappello bianco calcato sulla testa, aggrappata al suo braccio come l'edera al ramo, Lui, cappotto nero, eretto al suo fianco come un albero maestro.
L'autobus prese velocità, e il saluto scivolò sul vetro. Cadde a sedere in braccio a una vecchietta, ne aspirò l'odore dolciastro. Scese sul pavimento e si nascose tra le scarpe pesanti dei passeggeri.
Ripensava a Quei Due, che aveva visti prima, al modo in cui il loro abbraccio aveva resistito alle curve che dalla periferia li avevano condotti fino al centro; a come lo guardava Lei, e a come Lui riceveva quello sguardo, senza lasciarne gocciolare a terra neppure un pochettino; gli sarebbe piaciuto, allora, avere a disposizione una stilla di quel mistero per dissetarsi, e invece tra i pezzetti di foglia rimasti attaccati alla suola dei passanti, il saluto non trovò che terra secca, e freddo, parole inutili.
Se la prese con chi non lo aveva pronunciato in tempo e, per paura di essere indiscreto, lo aveva, in un certo senso, condannato a rimanere muto; furente, quando all'altezza della Bocca della Verità vide il suo timido proprietario suonare il campanello per prenotare la fermata, decise di lasciarlo andare e di rimanere a bordo.
Arrabbiato e senza voce arrivò al capolinea, prese posto e lì vi restò annidato per più di quattro anni: vide salire uomini, donne gravide e giovani innamorati, vide iniziare a camminare quei bimbi nati dalla pance in attesa, morire gli uomini più anziani, e sposarsi, o lasciarsi, alcune delle altre coppie che negli anni erano salite e scese da quell'autobus su cui lui era rimasto intrappolato.
Ogni tanto tornava a Quei Due: li aveva in mente come qualcosa di importante che non si è riusciti a dire, e che non si vuole dimenticare.
Così, quando un pomeriggio di primavera, correva l'anno 2018, la immaginò salire sul predellino, non ebbe dubbi e la riconobbe senza esitazione: era lei, solo che era sola.
Allora prese tutto il suo coraggio, risalì i tasti di un cellulare e in un messaggio scrisse:
"Una volta a Roma, qualche anno fa credo di avervi incontrati. Sul bus. Linea 170. Fermata prima di Trastevere:
sono certo, eravate voi. Non ti ho salutata per timidezza".
Poi schiacciò il campanello e, quando il mezzo si arrestò, finalmente scese alla fermata; si sentiva sereno, alleviato: in qualche modo, a qualche anno di distanza, era riuscito a trovare le parole, li aveva raggiunti.
Ora Quei Due sapevano con che occhi li aveva guardati, e quanto gli sarebbe piaciuto, in quel momento, aver trovato le parole adatte per dire loro: sì, sarete eterni.

(Carolina SABBATINI – Genova)

==================================

PENSIERO

Non è mai lontano
quel che è vivo
nell' anima...

(Graziella TRAVI – Genova)

=============

LIBERO

Sai, essere libero
costa soltanto
qualche rimpianto
sì, tutto è possibile
perfino credere
che possa esistere

(Graziella TRAVI – Genova)

    =============================

  E a tutti coloro che ancora una volta vorranno seguirci e darci il loro sostegno,

   
            come sempre....
 
 sopravvivere
         
 
                                 ...grazie di tutto, grazie di cuore !!!!!
 
La banda dei Misci - Webproject: Studio Comunicazione Aziendale