logotype
17 -September -2021 - 14:51

Hai scaricato questo file 0 volte nelle ultime 24 ore, il limite è 5.
Il totale dei file scaricati è 0 nelle ultime 24 ore, il limite è 5.

11° NON GIUDICARE
 
Questa area è accessibile solo agli utenti registrati.
Per favore, accedi o registrati.

Descrizione:

(nr. 13 personaggi)

Premessa

Questa storia rappresenta la 'fantasiosa' continuazione di “Ditegli sempre di si”, poiché comincia lì dove termina il capolavoro di Eduardo De Filippo.
Le vicende qui narrate, pertanto, evolveranno in situazioni tragi-comiche di assoluta ed originale fantasia.

La Trama in breve

Tonio Marra è un malato di mente che viene dimesso dal manicomio per essere condotto in casa di sua sorella, la vedova Nannina. Lo squilibrato, nel confrontarsi col mondo contaminato dei normali, ingabbiato da vizi, convenzioni e compromessi, evidenzia l’incapacità di adattarsi ad esso.
Donna Nannina, 'dovendo' assistere continuamente il congiunto è costretta ad abbandonare i progetti di matrimonio con Don Lorenzo Matera, anch’egli vedovo e suo padrone di casa. Tonio, tuttavia, si renderà protagonista di alcuni 'colpi di testa' che lo porteranno ad essere nuovamente internato; ciò spianerà la strada non solo al matrimonio della sorella, ma renderà possibile l’evoluzione di altre storie, di altre vite connesse in qualche maniera alla sua misteriosa vicenda. Qui prenderà corpo il disdicevole vizio di giudicare tutto e tutti, da sempre l’esercizio di gruppo più praticato nella nostra società. La storia si dipanerà tra pregiudizi, insinuazioni, invidie e rancori che soggiogheranno i personaggi, dimentichi della vera sostanza della vita: il valore dei sinceri rapporti interpersonali, ancor più importanti se riguardano gli affetti familiari ai quali siamo fortemente ed umanamente legati.
Quegli affetti che nel finale affioreranno prepotentemente e ci faranno riflettere...
Avverrà così, che dopo tante risate spensierate saremo travolti dai sentimenti e quindi portati a riformulare i nostri giudizi frettolosi ed inopportuni, tanto da farci assolvere o almeno comprendere coloro che avevamo mal giudicato.

Merito del Teatro, della sua potenza e vera essenza…

Inviato da:
bandadeimisci (bandadeimisci)
Inviato il
09 Jun 2015
Dimensioni del file:
430.00 Kb
Scaricati:
2
Inviato il
09 Jun 2015
La banda dei Misci - Webproject: Studio Comunicazione Aziendale