Loading color scheme

Pasquale Calvino

Pasquale CALVINO

Scrittore e Commediografo - Brindisi

e-mail pasqualecalvino@gmail.com
telefono 347.6622400

Pasquale Calvino Giordano - Pasquale Calvino Giordano II

 

In scena a Febbraio...

=== === === === ===

=== === === === === === ===

 Il Teatro a Minervino Murge

Ultime date per la commedia "Sarto per signora "

Grazie per aver lavorato sulla mia riscrittura della commedia di Feydeau!

=== === === === === === ===

=== === === === === 

calvinofeydeau

tiralaltra

=== === === === === 

calvinobugiamarzo

=== === === === ===

310348536 5234463956665281 4855966260118562042 n

=== === === === ===

calvinocolaz

calvinogiannino

=== === === === ===

calvinoganazègen

=== === === === ===

calvinocolazion

 

calvinofaveze

 

calvinocamomilla

^ ^ ^ ^ ^ ^ ^

sartocalvino

calvino

===========================

giordanoloc

=============================

abarista

============================

 

acalvinoinscena

acalvinonatale

===========================

 

acalvinoaprile

acalvinomarzo

calvinomodena

Pasquale Calvino nacque alcuni decenni or sono al centro di Napoli nelle vicinanze della casa natale di Giovanni Leone e vicinissimo a quella di Lina Sastri per cui, al di fuori della scuola, parlava solo napoletano. Sua madre, grande donna, amava molto il teatro e seguiva con la famiglia, in particolare, gli spettacoli del teatro San Ferdinando ricostruito da Eduardo. Pasqualino ebbe così la fortuna di conoscere da piccolo il grande Eduardo e ricorda che una volta, in un altro teatro napoletano, i genitori lo portarono a vedere "Questa sera si recita a soggetto" di Pirandello ma Pasqualino non capì molto e la commedia non gli piacque anche se poi, in seguito, ha amato moltissimo, oltre Eduardo, il teatro pirandelliano. Il papà di Pasqualino e anche la mamma amavano molto la zona di Bellavista e così Pasqualino si trasferì lì andando a iscriversi alle scuole medie di Portici, pur continuando a frequentare molto Napoli centro dove c'erano la maggior parte degli zii e il nonno paterno. Il suo amore per la letteratura e per il centro di Napoli(odi et amo) lo riportarono a scuola a Napoli dove si iscrisse al quarto ginnasio del liceo classico. Il ritorno quotidiano con la circumvesuviana ai luoghi natali fu molto stimolante e in quell'anno lo studente ginnasiale si iscrisse e frequentò molto il "Circolo Canottieri Posillipo" e per il liceo, con l'insegnante di Educazione fisica, partecipò ai campionati regionali del lancio del peso con ottimi risultati. Ma capitava spesso di non avere il tempo per studiare e non riuscì ad essere interrogato in greco per un intero trimestre. In conclusione quell'anno fu respinto e dovette poi cambiare vita. Finito il liceo classico, pur continuando ad amare la letteratura, invece di iscriversi a lettere si iscrisse a medicina perché aveva un nuovo amore: la psichiatria che richiedeva una laurea mentre la letteratura e il teatro no.
La frequentazione da studente di un ospedale psichiatrico napoletano(siamo prima della legge 180) lo convinsero che quello dello psichiatra non era professione adatta a lui. Su consiglio della madre accetto un posto a Brindisi per un anno dopo del quale gli fu promesso che sarebbe stato trasferito a Napoli. Ma passato l'anno il trasferimento non fu possibile e dato anche l'amore per la tranquillità della sua nuova città Pasquale mise su famiglia a Brindisi recandosi però molto spesso a Napoli dai genitori, parenti e amici con i quali ultimi si vede ancora ora quasi tutti i giorni per il caffè. A Brindisi dovette abbandonare l'uso del napoletano e parlare solo o quasi in italiano. Inizia poi a fa parte di un circolo culturale fotografico(passione mai abbandonata) dove conosce Antonio Schiavano e stimola l'amico a fare della fotografia pubblicitaria la sua professione, cosa che avviene poi con successo. Con Schiavano si occupa di Fotografia pubblicitaria e di spot pubblicitari per la televisione. Sempre a Brindisi viene contattato da Gabriele D'Amely Melodia per un'associazione culturale e dirige il "Gruppo Teatrale Eduardo". Conserva con grande affetto una cartolina inviatagli da Eduardo nel maggio 1984. Dopo la morte di Eduardo organizza incontri per discutere del grande autore teatrale, della grandezza del quale tutti a Brindisi credono escluso un professore universitario di letteratura che ama Eduardo come attore, regista ma non come autore di letteratura teatrale. Pasquale scrive articoli per riviste di cultura, teatro, fotografia, letteratura... Il successo lo porta a fondare e dirigere una nuova compagnia teatrale: "Il laboratorio Videoteatrale" col quale unisce la sua passione per il teatro a quella per le cineprese e telecamere. Il laboratorio VT mette in scena con la sua regia "Il settimo si riposò" di Samy Fayad che Pasquale ritiene altro suo grande maestro e amico. Con questa commedia lancia alcuni bravi attori e riempie quasi completamente un teatro di oltre mille posti (Teatro Impero di Brindisi). Collabora anche con una emittente televisiva brindisina (TRT). Dopo la morte prematura della madre(1986) cade in una profonda depressione dove l'unica ancora è l'amore per il figlio Carloclaudio e per la famiglia e gli amici. Scrive con la poetessa Fiorita Satalino Brunetti un breve romanzo: "Oltre la maschera". Fonda e dirige il “Centro dello Spettacolo e della Comunicazione” per mezzo del quale vengono presentati ai brindisini nuovi autori e nuovi libri con la collaborazione di illustri professori universitari.
Insegna per oltre un lustro: Teatro, Fotografia, Linguaggio cinematografico e televisivo nell’ “Accademia di Danza, Arte e Spettacolo -ADAS” diretta dalla ballerina classica e coreografa Elisa Potenza.
Nel 1995 accresce il suo interesse per la scrittura di soggetti, copioni (iniziata negli anni delle scuole medie). Nel 2007 muore il suo amato papà. Nel teatro, oltre le commedie originali, scrive adattamenti, riscritture, rifacimenti...dove il suo particolare metodo di scrittura è quello di modificare i testi teatrali di partenza secondo la compagnia che li rappresenterà... scrive oltre venti copioni differenti di "Sarto per signora" di Feydeau(con un numero di personaggi che va da 8 fino a 16 finora). Il suo amore anche per Feydeau, che non vede ripubblicato dal 1970, lo porta a ideare una nuova pubblicazione delle commedie esilaranti del grande autore francese, secondo solo a Moliere, che prende il titolo di "Il teatro comico di Georges Feydeau" della quale pubblicazione sono stati stampati i primi tre volumi(il quarto pronto a breve) dalla benemerita casa editrice "Editoria e Spettacolo" diretta da Massimiliano La Monica. Pasquale sta finendo di scrivere un saggio sul grande Eduardo che analizza solo le commedie di Eduardo registrate dalla televisione e contiene una biografia, che evidenzia, tra l'altro, alcuni misteri sul luogo di nascita di Eduardo. Il saggio comprende anche una particolarissima e minuziosa bibliografia in ordine di anno di pubblicazione dei libri, riviste, giornali che trattano di Eduardo. Pasquale ama oltre Eduardo e Pirandello anche moltissimo Moliere, Checov, Freud, Leopardi, Shakespeare( ritiene che il monologo di Amleto sia la più bella pagina di letteratura teatrale che conosca)... E' molto interessato a scrivere anche per conto terzi. Gli piace aiutare nuovi talenti ma lamenta che, in passato, delle molte persone da lui aiutate e valorizzate alcune non hanno risposto al suo interessamento nemmeno con un minimo di amicizia e gratitudine.
Ama ancora, oltre il teatro e la letteratura, la fotografia, la filosofia, il cinema, la televisione, la psicologia, la medicina... e cosa che non dovrebbe fare : la cucina( che adora sia per cucinare che per mangiare). Sta avendo un buon successo la sua nuova commedia "Una bugia tira l'altra" scritta per e con il regista Francesco Romano.
Ha avuto l'onore di essere stato autorizzato ad adattare e tradurre la bellissima commedia "Il senatore Fox" del grande Luigi Lunari che ne ha anche autorizzato la pubblicazione con il titolo di "Il senatore Volpe". All'adattamento e traduzione della commedia ha collaborato Paolo Di Perna, grande conoscitore del napoletano scritto e non solo.
A Pasquale piace molto la scrittura a quattro mani in particolare con autrici dell'universo letterario e teatrale femminile in modo che in un lavoro si possano riscontrare comportamenti, motivazioni e sensibilità sia maschili che femminili. Ha recentemente scritto con la bravissima Santina Titti Giannino un copione originale brillante "Pasqua con chi vuoi!!!" in cui si accenna, tra le righe, anche a problemi di psichiatria. Il suo sogno irrealizzabile(ipertrofia dell'io) è quello di scrivere un giorno, da solo o a quattro mani, una stupenda commedia che venga rappresentata in tutta Europa e non solo oppure pagine di narrativa di grande spessore. Pasquale ha moltissimi libri.